clicca sul "+" per avere maggiori informazioni

Belforte del chienti

-Chiesa di S. Giovanni
Semplice nella chiusura a timpano della facciata, ma suggestiva e severa nella pietra scura con cui è edificata, apparteneva al Monastero Benedettino, poi domenicano ed in seguito a ciò fu chiamata S. Domenico, mentre in precedenza era chiamata de tribio. All' interno interessanti affreschi raffiguranti la Natività e la Madonna del Rosario di Andrea De Magistris del 1558.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Borgo San Giovanni
Data costruzione: XV Secolo
-Chiesa S. Eustachio
E' ricordata almeno dal 1218, ma le sue forme attuali risalgono al XVII-XVIII sec. dopo il terremoto del 1741. Se all'esterno non presenta strutture particolarmente notevoli, all'interno l'edificio custodisce alcune opere di grande interesse: tra cui una statua lignea cinquecentesca di S. Sebastiano (un tempo nella chiesa omonima), due tele cinquecentesche, una delle quali firmata e datata da Durante Nobili da Caldarola, allievo di Lorenzo Lotto, una Santa Lucia del pittore ginesino Domenico Malpiedi (prima metà del sec. XVII), e il luminoso e grandioso polittico (cm 483 per cm 323) del 1468, firmato e datato da Giovanni Boccati.
Il polittico fu eseguito nel 1468 dal pittore di Camerino Giovanni Boccati. L'opera, racchiusa in un'elaborata e preziosa cornice in legno dorato, misura m 4,83 di altezza per una larghezza di m 3,25. Si compone di dodici pannelli di cui cinque costituiscono il registro inferiore e sette quello superiore; da diciotto specchi di cui sei sono inseriti nei pilastri laterali e dodici nella predella, e da cinque medaglioni. Complessivamente le tavole figurate ammontano a trentacinque; ad esse si aggiungono i due cartigli laterali con le iscrizioni nelle quali compaiono i nomi dei committenti e l'anno di esecuzione. La firma del pittore si trova nel gradino alla base del trono della Vergine.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Piazza Umberto I
Data costruzione: L'antecedente al 1300, ma ricostruita nel sec. XVII-XVIII
-Chiesa S. Maria di Villa Pianiglioli
L' edificio risale al XVI sec. ed era dedicato a S. Giovanni Evangelista. All’esterno presenta bassorilievi in arenaria, mentre all’interno sono conservate tre tele raffiguranti : San Venanzio; S. Eustachio che regge sulla mano sinistra il paese di Belforte; la Sacra Conversazione.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via Villa Pianiglioli
Data costruzione: XVI Secolo
-Chiesa S. Maria d’Antegiano
Le prime notizie relative a questa chiesa risalgono al 1476, in quanto altre fonti del 1421 non fanno menzione della sua fabbrica. La chiesa fu tenuta come luogo dei Clareni secondo quanto si legge in un atto di permuta del 1540. All' interno presenta due lastre in marmo, un confessionale e un altare, inoltre vi si conservava una tela con riferimenti stilistici che riconducono al De Magistris.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via Madonna D’Antegiano
Data costruzione: XV Secolo
-Chiesa S. Maria e Monastero Silvestrino (ora S. Pietro Apostolo)
Appartenente all' omonimo monastero silvestrino e più volte ristrutturata, anche in epoca moderna, conserva elementi che risalgono al XVII sec. All' interno una croce processionale di fattura bizantina del XV sec. e alcune tele attribuite a Luigi Domenico Valeri (XVIII sec.). Ristrutturata nel XVII sec.
Visite: orario Ss. Messa ed ingresso gratuito
Indirizzo Via Ciappi
Data costruzione: XVII Secolo (ristrutturata)
-Chiesa S. Salvatore
E' una piccola chiesa posta in mezzo al verde, di proprietà privata, recentemente ristrutturata. Nella sua struttura sembra risalire al XVI secolo. L' interno spoglio e le pareti un tempo affrescate da pittori locali mostrano oggi solo due scene probabilmente cinquecentesche : una Sacra Famiglia e un Cristo.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via San Salvatore
Data costruzione: XVI Secolo (circa)
-Chiesa S. Sebastiano
Fuori dall' abitato, quasi a ridosso delle mura cittadine, si pone la restaurata e, nei secoli, allargata chiesa di S. Sebastiano, eretta dalla Comunità a protezione della peste (come allora si era soliti fare erigendo sacri edifici anche a S. Rocco ovvero alla Madonna delle Grazie), dietro autorizzazione rilasciata dal vicario Vescovo di Camerino nel 1479.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via San Sebastiano
Data costruzione: 1479
-Palazzo Bonfranceschi
Casa Bonfranceschi è un interessante esempio di architettura di palazzo nobiliare. L' esistenza di questo edificio è rintracciabile negli atti dell' Archivio di Stato di Macerata a partire dal 1803, ma la sua realizzazione si può senz' altro collocare a cavallo tra il XVII e il XVIII sec. sia per la sua caratteristica struttura esterna sia per l' ampia e panoramica scalinata che dall' atrio porta al piano nobile. L' edificio si sviluppa su tre piani; al primo piano si apre un' ampia sala con soffitto a cassettoni e l' adiacente cappellina abbellita da stucchi. Prima dell' 800 l' immobile apparteneva alla famiglia Farroni Silvestro e poi attraverso l' asse ereditario alla Fam. Valentini e quindi alla Fam. Bonfranceschi. Oggi è di proprietà del Comune di Belforte del Chienti, che lo ha sottoposto a interventi di restauro terminati nel 2003.
Oggi, il Palazzo si apre, come Residenza d’epoca, grazie all’impegno e all’entusiasmo dei componenti di TDA Universal s.a.s., società attiva nella promozione dell’arte e della cultura. Con laboratori d’arte, sale per ricevimenti, per presentazione di libri e per ogni tipo di evento culturale, spazi espositivi, visite guidate, Palazzo Bonfranceschi si propone come un’oasi di relax, senza per questo rinunciare all’opportunità di fare una vacanza ricca di emozioni.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via Cavour
approfondimenti
Proprietà: Comune
Data costruzione: Nel XVII - XVIII sec.
-Palazzo Comunale
Era la sede dove avvenivano le assemblee cittadine costituite dal Consiglio Generale e dal Consiglio di Credenza. Ubicato in una minuscola piazza, conserva della struttura antica la torre civica, risalente al XVII sec. e tuttora fornita di campana, e le arcate ottocentesche.
Visite: orario ufficio 10.30 - 13.00
Indirizzo Piazza Umberto I, 13
Proprietà: Comunale
Data costruzione: XVII Secolo
-Palazzo Vicomandi
Raro esempio di palazzo angolare con giardino pensile, esistente già nell' anno 1766, di cui però non si hanno notizie sulle origini. Il fronte principale del palazzo e quelli laterali sono affacciati lungo le due strade principali e quello retrostante presenta un rigoglioso giardino pensile. Conserva l' arredamento tipico dell' abitazione borghese dell' Ottocento. Presenta quattro stanze di rappresentanza sul fronte principale con soffitti dipinti con varie allegorie, tra cui i tre saloni con arabeschi. Nelle vicinanze del salone principale si trova l' oratorio di famiglia. Le camere da letto sono anch' esse dipinte con motivi allegorici e grotteschi.
Presenta quattro stanze di rappresentanza sul fronte principale con soffitti dipinti con varie allegorie, tra cui i tre saloni con arabeschi. Nelle vicinanze del salone principale si trova l' oratorio di famiglia. Le camere da letto sono anch' esse dipinte con motivi allegorici e grotteschi.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Indirizzo Via Ciappi, 59
Proprietà: Privata
Data costruzione: Antecedente al XVIII secolo